La Manutenzione Straordinaria

La Manutenzione Straordinaria a Roma è definita dal D.P.R. n. 380 del 2011 all'art. 3 comma b) , le attività che è possibile eseguire con CILA,o SCIA e sono "le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino la volumetria complessiva degli edifici e non comportino mutamenti urbanisticamente rilevanti delle destinazioni d’uso implicanti incremento del carico urbanistico. Nell'ambito degli interventi di manutenzione straordinaria sono ricompresi anche quelli consistenti nel frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione di opere anche se comportanti la variazione delle superfici delle singole unità immobiliari nonché del carico urbanistico purché non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga l'originaria destinazione d'uso. [...]".

La Manutenzione Straordinaria comprende tutte quelle opere eseguibili all'interno di un immobile, come la demolizione e la ricostruzione delle murature interne, le modifiche degli impianti, il frazionamento e l'accorpamento.